COPY RIGHT ©KRG ITALY 2015 Kurdistan Regional GovernmentEnglish language

Governo Regionale del KurdistanRappresentanza In Italia

30 0tt 2017 Roma
Report sulle violazioni del PMF a Kirkuk e nelle sue aree circostanti

Alta Commissione del KRG per valutare e rispondere ai report internazionali (KRG HCERIR).


Il seguente rapporto contiene casi specifici di violazioni che le unità di mobilitazione popolare (PMU) hanno commesso contro i cittadini kurdi a Kirkuk, Tuz Khurmatu e Khanaqin.
Mentre il conflitto continua e talvolta si intensifica nel corso del giorno, il numero dei fatti e dei dati cambia in termini di numero crescente di sfollati, vittime, saccheggi e distruzioni e casi specifici di violazioni. Vale la pena notare che, poiché il processo di arrivo delle PMU è stato molto rapido e le distruzioni erano massive, non esistono dati accurati o alcuna missione di accertamento dei fatti in materia, ma l’Alta Commissione del KRG per valutare e rispondere ai Report Internazionali HCERIR, attraverso le sue fonti, ha raccolto importanti informazioni riguardanti le conseguenze del conflitto.
Il PMF ha commesso atti illegali e contro la costituzione irachena come arrestare persone fuori legge e senza un mandato giudiziario. Sono stati fatti tentativi deliberati anche per cambiare la demografia delle aree spostando forzatamente i cittadini kurdi dalle loro zone originarie e impedendo agli sfollati di tornare nelle loro aree.
La milizia di Hashd continua a saccheggiare, distruggere e bruciare le case e le proprietà dei civili, insultando i cadaveri dei civili trascinandoli per strada con le automobili, insultando i leader kurdi e i simboli nazionali del Kurdistan, come la bandiera kurda, bruciandola così come deridendo il costume tradizionalek. Le unità PMF inoltre incoraggiano gli arabi sunniti a registrarsi con loro per combattere contro i kurdi della zona. Altri crimini brutali da parte del PMF includono l'abuso sessuale sulle ragazze e donne kurde, il sequestro dei civili kurdi, inclusi i bambini, torturandoli e uccidendoli.
Secondo le fonti di KRG HCERIR a Tuz Khurmatu, fino al 2 ottobre ci sono state 112 vittime, 126.000 persone hanno affrontato lo spostamento forzato, 152 case dei civili sono state esplose, 12 uffici politici, 5 stazioni radio, una televisione, 1102 case civili e 380 negozi sono stati bruciati dal PMF.
Nelle loro ultime attività, il PMU ha dispiegato truppe non ufficiali dell'Iraq del Sud e del centro, alcune delle quali di lingua persiana. Sin dalla crisi Hashd Al-Sha'bi ha iniziato a minacciare i civili e anche i giornalisti ricattandoli tramite messaggi di testo o lanciando i messaggi minacciosi nelle loro case. Le attività dei media, specialmente dei canali e giornalisti kurdi, sono state limitate.
Le forze della milizia che hanno una presenza attiva in Kirkuk, TuzKhurmatu, Khanaqin, Ninevah Plains, Zummar e Sinjar, sono: Hashd Al-Sha'bi, Turkmen Hashd, Forze Quds, Forze Badr e Asa'ibAhl al-Haq KhazAli Network, oltre a molte altre forze che appartengono al PMI Shiita.
Il KRG continuerà a sollecitare la comunità internazionale ad affrontare la crisi umanitaria che si sta svolgendo a Kirkuk.
Statistiche generali
* Le fonti di sicurezza e di intelligence del KRG affermano che in Kirkuk e Tuz Khurmatu decine di civili sono stati uccisi da PMF e dalle forze irachene.
* Le ultime statistiche degli IDP che abbiamo ricevuto dal KRG Joint Crisis Coordination (JCC) sono le seguenti:
Il numero totale di IDP provenienti da Kirkuk, Khanaqin, Khurmato, Zummar, Rabea:

Erbil : 14.000 Families 84.000 Individuals .

Sulaymanyha : 13.006 Families 78.372 Individes .

Duhok : 810 Families 27872 Individes .

La situazione degli sfollati:


L'arrivo delle forze del PMF nella provincia di Kirkuk e nelle sue aree circostanti ha provocato lo spostamento forzato di centinaia di migliaia di persone, la situazione dei civili kurdi sfollati, nonché dei turkmeni e dei cristiani rimane in una situazione terribile. Le persone sono fuggite dalle loro case solo con quello che indossavano e solo il cibo essenziale per i più giovani a causa della paura di atrocità di Hashd.
I partner internazionali non hanno avuto pronte risposte di emergenza a fronte dello sfollamento. L'aiuto disponibile per gli sfollati è giunto dal popolo kurdo a Erbil, Sulaimaniyah e nelle province di Duhok. Gli attivisti e i volontari umanitari si sono impegnati per raccogliere donazioni, come alimentari di base, medicine e rifugi. Migliaia di studenti sono stati cacciati dalla scuola e si sono rifugiati per le strade, gli edifici incompiuti o le case dei parenti nelle province kurde. Le persone di Kirkuka, TuzKhurmatu e Khanaqin sono sotto shock per quanto le PMU sostenute dall'Iran e dalle forze irachene hanno perpetrato contro di loro.

Violazioni del PMF come riportato nelle relazioni internazionali
Le principali organizzazioni internazionali e le agenzie di stampa come le Nazioni Unite, Amnesty International e Human Rights Watch hanno riportato sulle violazioni eseguite dalle PMF contro i cittadini di Kirkuk, in particolare i cittadini kurdi e su quando li hanno costretti ad abbandonare le loro aree di origine.
Un rapporto di Amnesty ha esortato le autorità irachene ad avviare indagini imparziali sulle violazioni. Ha anche chiesto di compensare le vittime. Il rapporto conferma anche che in Tuz Khurmatu si sono verificati attacchi indiscriminati, nonché saccheggi, demolizioni di case e incendi.
L'UNAMI ha inoltre pubblicato un comunicato stampa che esprime le sue preoccupazioni sugli attacchi delle forze irachene e della milizia militare PMF sostenuta dall'Iran a Kirkuk e nelle sue aree circostanti. All'inizio dell'ottobre 2017, l'ONU ha messo il PMF nella sua lista di vergogna.
Inoltre Human Rights Watch ha anche rilasciato un comunicato stampa che accusa la milizia irachena Shia di violazioni e abusi contro i civili, in particolare kurdi, in alcune aree del Kurdistan. HRW ha esortato il governo iracheno a porre fine ai suoi atti abusivi nelle aree. In passato, la HRW ha pubblicato rapporti di addestramento del PMF su bambini soldato e di altre violazioni dei diritti umani perpetrate contro i civili.